Archivio fotografico

 

Con la disponibilità di nuovi spazi, dopo l'apertura dell'ala nuova, la direzione ha ritenuto fossero maturi i tempi per realizzare il progetto di dar vita a un "Centro di Documentazione sulla bonifica, sulla malaria e l'alimentazione", proposto in occasione di una importante manifestazione tenutasi nel 1995, su questi specifici argomenti. Il centro di documentazione è stato avviato ed è iniziata una raccolta di materiale fotografico, reperibile anche presso privati, che potesse riguardare questi filoni tematici. Oltre a ciò il museo ha ricevuto, in comodato, dal consorzio della Bonifica Basso Piave, un insieme di circa 400 negativi fotografici in lastra di vetro, realizzati negli anni '20 del '900, che hanno per soggetto la costruzine degli impianti di bonifica. L'importante insieme è stato scansionato, convertito in positivo, schedato ed archiviato. Oggi, quindi, il museo può disporre sia di proprie fotografie originali che sono state archiviate, sia di immagini reperite all'esterno ed archiviate, senza vincoli per l'eventuale riproduzione a fini di studio, e che costituiscono la fototeca; sono inoltre conservate numerose cartoline d'epoca che documentano la storia della città.
L'archivio e la fototeca, sono consultabili previo accordo con il Direttore, ed è possibile chiedere anche la riproduzione su supporto magnetico delle immagini scelte, previa autorizzazione del Direttore e il pagamento della relativa tariffa, specificando l'uso che ne verrà fatto con l'obbligo di riportare sul materiale prodotto utilizzando le immagini dell'archivio, la provenienza e l'autorizzazione.